Leupold WXR Patrol 1.25-4×20

Negli ultimi anni le ottiche ad un basso numero di ingrandimenti variabili stanno riscuotendo sempre maggiore successo sia in ambito sportivo venatorio che professionale.
L’aumento della richiesta che ne è derivato ha portato i vari produttori ad offrire una serie di proposte estremamente ampia che copre praticamente tutte le esigenze possibili.
Da quella amatoriale più economica a quella professionale più costosa che non accetta compromessi con la qualità, si sono sviluppate sempre più modelli che prevedono reticoli con correttore balistico di caduta anche per i calibri più recenti come il 300 AAC oltre che per i classici 556 e 308; modelli con reticoli su primo piano focale , altri con reticoli doppi che hanno una parte sul primo ed una sul secondo piano focale, vari tipi e modalità di illuminazione dello stesso e molte altre peculiarità.

l'ottica paragonata ad un 308 W
l’ottica paragonata ad un 308 W

La caratteristica che le accomuna tutte è quelle di avere un basso numero di ingrandimenti, l’assenza di campana frontale e dimensioni abbastanza contenute. Sono ottiche pensate per avere la maggior versatilità ed essere praticamente un mirino da acquisizione rapida all’ingrandimento minimo ma con la possibilità di avere un po più di precisione con il variare degli ingrandimenti senza.
Come obiettivo principale c’è quello di vxr patrol8offrire un immagine il più chiara possibile, un alta luminosità, il minor effetto tubo possibile ed il miglior campo visivo possibile per arrivare ad un acquisizione rapida facile e precisa anche on entrambi gli occhi aperti.
Purtroppo come in tutti i congegni ottici la qualità (e quindi il suo costo) sono praticamente direttamente rapportate alla luminosità ed alla qualità dell’immagine ed all’assenza di effetto tubo.
Inizialmente partiti con un range di ingrandimenti che solitamente andava da 1.5 a 4 x oggi si sono ampliati arrivando ad avere modelli che vanno dal’1x al 6x arrivando in vxr patrol2alcuni casi a modelli che si spingono dal’1x sino al’8x o al 10x. In pratica si va da un vero e proprio mirino da 1 ingrandimento fino ad ottiche che gia offrono un ingrandimento di tutto rispetto per distanze di tutto rispetto. Solitamente sono ottiche con tubo da 30 mm, e lente frontale da 20 mm ma per aumentare luminosità e cercare di contenere l’effetto tubo molte ditte si sono spinte su tubi da 34 e da 35 mm rendendo più massiccia l’ottica e rendendo necessari attacchi adeguanti non sempre facilmente reperibili.
Chi ha avuto modo anche nelle fiere di poter solo traguardare nei modelli più performanti di certo non può aver apprezzato la luminosità e la velocità di acquisizione di questo tipo di ottica, purtroppo nel caso dei top di gamma il prezzo spesso proibitivo costringe ad valutare modelli meno impegnativi in cui nonostante luminosità , effetto tubo e qualità generale debba scendere a patti restano comunque prodotti di tutto rispetto specialmente per uso ludico venatorio e sportivo non agonistico.

le torrette di regolazione con click da 1/4 di moa
le torrette di regolazione con click da 1/4 di moa

Anche il produttore americano Leupold ha pian piano arricchito la sua offerta di ottiche a bassi ingrandimenti, sia nelle fasce economiche con le serie Ar che nelle serie ammiraglie con le MARK6 e MARK8 sulla cui qualità non vi è il minimo dubbio, ma che purtroppo raggiungono cifre molto alte. Scendendo un verso il basso troviamo le serie MARK 4 che sono sempre ottiche pensate per l’impiego professionale ed infine le serie intermedie cosi dette vxr patrol6“tactical” ma offerte a cifre più abbordabili. É il caso della serie VX R PATROL che comprende questa 1.25-4×20 con tubo da 30 mm.
Il prezzo ufficiale di listino si aggira sui 750 dollari, ma spesso sul mercato americano lo si trova attorno ai 600 dollari, è disponibile solamente in colore nero opaco con reticolo Fire Dot Special

la lente da 20 mm con i trattamenti proprietari Leupold
la lente da 20 mm con i trattamenti proprietari Leupold

Purpose e torrette con indicatori scoperti di tipo basso e click da 1/4 di moa ( spesso in questa tipologia di ottiche ci sono modelli con click da mezzo moa).
Il reticolo è di tipo illuminato, l’alloggiamento della batteria CR2032 è posto lateralmente ed è protetto da un tappo avvitato a tenuta stagna con il pulsante di regolazione incorporato. L’accensione e spegnimento dell’ottica è automatica con un sensore di

l'alloggiamento della batteria , il pulsante p il simbolo Leupold
l’alloggiamento della batteria , il pulsante p il simbolo Leupold

movimento. Dopo 5 minuti che non rileva movimenti spegne l’illuminazione ed al primo movimento la riaccende, il pulsante serve ad aumentare e diminuire l’intensità della parte centrale del reticolo con pressioni consecutive. Arrivati alla massima luminosità un ulteriore pressione fa lampeggiare il reticolo continuando a premere la luminosità comincia a scendere arrivata ala minima luminosità riprende a lampeggiare e continuando a premere inizia ad aumentare.
Le torrette hanno dei click netti e ben decisi, ed il profilo zigrinato garantisce un ottimo grip. L’azzeramento avviene tramite dell piccole viti che sbloccano la ghiera e permettono di azzerarla dopo aver collimato l’ottica. Sulla torretta una freccia indica il senso di rotazione per apportare la correzione in alto o a sinistra.
La regolazione degli ingrandimenti avviene tramite una ghiera subito prima della campana dell’oculare, il movimento è frenato e richiede una certa forza per ruotare la ghiera, il tutto per scongiurare rotazioni accidentali. Sulla campana oculare è prevista la regolazione della diottria che avviene regolando semplicemente l’oculare gommato. Le lenti sono di buona e sono trattate col sistema Leupold IM che prevede dei particolari trattamenti che ottimizzino la rifrazione, la luminosità e diminuiscano i riflessi e le proteggano da graffi ed abrasioni.

vxr patrol11
la sede a della batteria, il coperchio è il pulsante di regolazione intensità

L’ottica è completamente waterproof e molto resistente agli sbalzi termici, grazie all’impiego della seconda generazione di impermeabilizzazione a base di Argon e Kripton sviluppata da Leupold.
La luminosità e la fedeltà dei colori è decisamente buona, l’effetto tubo è molto contenuto al minimo ingrandimento ed un poco più visibile ai 4x, entrambi i fattori risultano comunque molto buoni anche se, rimanendo in casa Leupold inferiori alla MK4 1.5-5 e nemmeno lontanamente paragonabili MK6 o MK8…….ma i prezzi praticamente raddoppiano di volta in volta.
Tornando al nostro VXR Patrol ed alla sua collocazione ludico sportiva possiamo comunque apprezzare una buona fattura, delle buone caratteristiche ed una buona robustezza grazie alla realizzazione in un unico pezzo. Le dimensioni sono compatte ed il peso contenuto. La ditta fornirebbe Garanzia a vita… ma per quello si deve vedere cosa passano i vari importatori locali.
Il reticolo non è finissimo, ma non essendo dedicata al tiro è più che concepibile che abbiano dato priorità alla visibilità dello stesso, è posto sul secondo piano focale quindi non varia di dimensione al variare degli ingrandimenti. Nel manuale dell’ottica o sulla documentazione del sito Leupold si possono trovare maggiori informazioni sull’impiego dei riferimenti del reticolo firedot spr .

la parte inferiore della base Armalite, si notano i vitono con l'inserto polimerico di bloccaggio ed il tenone di bloccaggio negli slot picatinny
la parte inferiore della base Armalite, si notano i vitono con l’inserto polimerico di bloccaggio ed il tenone di bloccaggio negli slot picatinny

Abbiamo montato l’ottica su di una base Armalite modello EX022 da 30 mm. Si tratta di un attacco monolitico in un unico pezzo ricavato per lavorazione. Anche se è piuttosto semplice non proprio leggerissimo, privo di sganci rapidi di ultima generazione ed altre finezze risulta robustissimo, funzionale e con i suoi 90 dollari di listino i pone ad un prezzo decisamente concorrenziale. É disponibile si da 12 che da 30 mm di tipo alto e medio.
L’ottica è bloccata alla base a 4 viti per ogni anello e l’attacco si blocca alla slitta con 2 grossi vitoni laterali un poco rustici ma molto efficaci. Un altra soluzione a prezzo similare di buona qualità è quella proposta

il reticolo all'intensità minima
il reticolo all’intensità minima

dalla Aero Precision ma per quanto ci siamo sforzati non abbiam trovato nessuno dei 2 in Italia, evidentemente le soluzioni a prezzi contenuti non sembrano essere particolare prerogativa degli importatori.
Una volta istallata l’ottica e trovata la giusta distanza focale la taratura a 50 metri è stata piuttosto veloce, per come è uscita dalla fabbrica sono bastati un paio di click laterali e una correzione verticale di pochi cm. Abbiamo montato

il reticolo alla massima intensità
il reticolo alla massima intensità

l’ottica su di un Armalite in6.8 SPC con canna da 16 pollici usato prevalentemente per il tiro informale, il tiro in imbracciata e l’acquisizione di sagome. L’ottica si è dimostrata più che all’altezza e senza creare nessun problema, l’acquisizione rapida a bassi ingrandimenti è molto buona, il campo visivo resta libero e non si hanno particolari effetti di ombra causati dal tubo. Ai 4 ingrandimenti l’acquisizione resta buona il campo subisce una riduzione ma resta comunque molto buono. Si comincia a sentire un po più effetto tubo ma è una cosa normale. Il reticolo nell’uso ci è sembrato buono, ben visibile anche in condizioni di forte luminosità e su sfondi naturali di vegetazione o terreni di vario tipo. Rimane un po spesso per fare tiro da bancone ricercando la mouche ma il puntino centrale illuminato è piuttosto piccolo e può comunque aiutare.


© Copyright 2015 Diego Ruina, All rights Reserved. Written For: Armi Militari

Rispondi