Le armi demilitarizzate ed i 5 colpi, La Cassazione sul caso delle Zastava M-76

Header-AK-M16

É notizia di oggi che l’avvocato Antonio Bana, presidente di Asso Armieri, ha vinto il ricorso presentato alla Cassazione contro la Prefettura di Brescia che voleva annullare l’atto di restituzione proclamato dal Tribunale del Riesame di Brescia per le 10 carabine Zastava M-76, demilitarizzate dalla Nuova Jager, che l’estate scorsa erano state restituite ai legittimi proprietari.
Non vogliamo soffermarci sul discorso delle M-76, della cui notizia ha già parlato la testata Armi e Tiro nell’articolo intitolato “Le 10 Zastava tornano a casa (definitivamente)”, ma solo prendere in considerazione un breve passaggio. Leggi tutto “Le armi demilitarizzate ed i 5 colpi, La Cassazione sul caso delle Zastava M-76”

Le Porcate del Banco Nazionale di Prova di Gardone Val Trompia

Pubblichiamo questo brevissimo articolo solo per rendere pubbliche le porcate richieste dal Banco Nazionale di Prova di Gardone Val Trompia per poter accettare un’arma corta demilitarizzata.
Ricordiamo che sebbene la Circolare 20 settembre 2002, n.557 sulle armi demilitarizzate non ha mai indicato il limite di 5 colpi per i caricatori, il Banco si è ottuso su questa sua personale interpretazione.
Il solo limite imposto dalla classificazione per le armi comuni è di 5 colpi per le armi lunghe e 15 per le armi corte, e che ad una lettura attenta della circolare del 2002, si evince che le operazioni di demilitarizzazione sono atte a trasformare un’arma da guerra o tipo guerra in arma comune e che quindi il limite sul numero di colpi è appunto questo (con l’esclusione delle armi classificate sportive).
Qui sotto un modello di pistola automatica M712 Schnellfeuer prodotta dalla Mauser per il mercato cinese tra il 1932 ed il 1936.
L’arma è oggetto di ritrovamento, era di un parente deceduto ante 1975 e mai regolamentata, ai sensi della Legge 18 aprile 1975, inserendola nella licenza cui all’articolo 28 del T.U.L.P.S..
L’arma era regolarmente denunciata negli anni ’30.
Non essendo stata rilasciata la licenza di collezione di armi da guerra l’erede ha dovuto sottoporla alle operazioni di demilitarizzazione da un armaiolo autorizzato, l’alternativa era la demolizione.
L’armaiolo autorizzato per avere l’autorizzazione dal Banco ha dovuto obbligatoriamente ridurre il caricatore a 5 colpi per costruzione,  non ci sono stati versi per poter procedere in modo diverso.
Un vero peccato dover rovinare una parte di un’arma giunta ai tempi nostri in condizioni impeccabili. La brunitura e le condizioni della canna sono perfette.
Leggi tutto “Le Porcate del Banco Nazionale di Prova di Gardone Val Trompia”

Il Trasferimento di Armi Comuni da uno Stato Membro dell’Unione Europea

l Trasferimento di Armi Comuni da uno Stato Membro dell'Unione Europea

Ultimo aggiornamento : martedì 25 settembre 2018

Per poter importare o trasferire da un Paese comunitario armi comuni da sparo, è necessario ottenere la licenza del questore prevista all’art. 31 del T.U.L.P.S..
In questo articolo ci dedicheremo al trasferimento comunitario.
Leggi tutto “Il Trasferimento di Armi Comuni da uno Stato Membro dell’Unione Europea”

Le Demilitarizzate con più di 5 Colpi… Il Banco si era (ancora) sbagliato

Steyr Stg58 Sx

Dopo la recente pubblicazione di una scheda di classificazione di un FAL Stg58 prodotto dalla Steyr con qualifica di arma idonea ad uso sportivo con caricatore da 20 colpi, riceviamo oggi notizia che il Banco di Prova di Gardone Val Trompia si era nuovamente sbagliato ed ha provveduto alla rettifica della scheda.
La scheda sportiva 12_02765ds1 riportata sul sito del Banco, oggi infatti indica una capienza massima di 5 colpi, mentre la precedente scheda “comune” 12_02765d indica ancora una capienza massima di 20 colpi.

AGGIORNAMENTO ore 14:50 :

Leggi tutto “Le Demilitarizzate con più di 5 Colpi… Il Banco si era (ancora) sbagliato”

Le Demilitarizzate con più di 5 colpi… La storia continua

Steyr Stg58

Eravamo a fine ottobre 2017 quando il Banco di Prova dapprima pubblicava una scheda di una carabina Zastava M70 (15_00039ds2demilitarizzata a cui era stata riconosciuta la qualifica di arma sportiva con caricatore da 29 colpi, qualifica sportiva giustamente riconosciuta dalla FITDS per la categoria rifle, per poi  rettificare la scheda immediatamente dopo e modificandola a 5 colpi.
Infatti allora secondo il parere del direttore del Banco di Prova, l’ing. Antonio Girlando, le armi demilitarizzate devono avere massimo 5 colpi nonostante la Legge non faccia distinzione, per quanto riguarda il volume di fuoco, tra armi nate semiautomatiche ed armi trasformate in modo irreversibile da armi automatiche. Leggi tutto “Le Demilitarizzate con più di 5 colpi… La storia continua”

29 Colpi nelle Armi Demilitarizzate Sportive, il Banco proprio non ci sta

Zastava M21

Riceviamo oggi a seguito di una Nostra memoria inviata al Banco ed al Ministero dell’Interno riguardante le armi sportive demilitarizzate.

Ma andiamo con ordine.
In data 16 ottobre abbiamo inviate le nostre osservazioni. Leggi tutto “29 Colpi nelle Armi Demilitarizzate Sportive, il Banco proprio non ci sta”

Armi Demilitarizzate con 29 colpi, Il Direttore del Banco di Prova si era sbagliato

M70.AB2 con porta caricatori e baionetta

Neanche 24 ore dalla notizia precedere, dove era stata confermata e pubblicata una scheda per un’arma demilitarizzata sportiva da 29 colpi che ci è arrivata ora una comunicazione ufficiale da parte del Banco di Prova in cui il direttore Ing. Antonio Girlando rende noto quanto segue: Leggi tutto “Armi Demilitarizzate con 29 colpi, Il Direttore del Banco di Prova si era sbagliato”