PTRS-1941

All’inizio degli anni 30, l’Armata Rossa voleva cercare una nuova munizione per una nuova arma anticarro, dato che si riteneva il 12,7 × 108 mm (.50 BMG) non adatto a tale scopo.
Iniziarono alcune sperimentazioni da parte di due famosi progettisti di armi: Vasili Degtyaryov e Sergei Gavrilovich Simonov, su di una nuova munizione, la 14,5 × 114 mm.
Nel 1938 Simonov, disegno il PTRS-41. Un arma semiautomatica dotata di caricatore circolare a 5 colpi ad inserimento dal basso. Una volta sparato l’ultimo colpo, la clip cadeva e l’otturattore restava in posizione aperta.
Purtroppo la munizione non era stata ragionata dal punto di vista dell’ottimizzazione della combustione della polvere e causare parecchi residui, che spesso causavano inceppamenti al sistema a pistone.
Il fucile venne comunque utilizzato con successo nelle guerre di Korea e nella Guerra Civile Cinese.
L’idea di base di quest’arma venne poi ridotta in scala perl’uso della munizione M-43 in quella che sarà poi la carabina per eccellenza creata da Simonov, l’ SKS Samozaryadnyj Karabin sistemy Simonova, 1945.
Parallelamente al PTRS di Simonov, nel 1941, venne anche progettato il PTRD di Vasili Degtyaryov. Quest’ultimo, con caricamento singolo, di più facile costruzione e quindi maggiormente economico venne maggiormente utilizzato, ma talvolta le due armi venivano comunemente chiamate Simonov.
I proiettili 14,5 × 114 mm hanno una velocità alla volata di 1013 m/s e un’ottima balistica terminale. Le munizioni armour-piercing possono infatti penetrare una lastra di acciaio balistico spessa 40 mm ad una distanza di 100 metri.
Circa 60000 PTRS-41 furono prodotti nell’URSS nel 1941 e nel 1942, quando la rapida evoluzione dell’armatura tedesca rese obsoleti questi fucili anticarro. Ciononostante, molti fucili PTRS furono usati come accessori ausiliari per l’equipaggiamento di supporto e di fanteria fino alla fine della guerra, e pochi videro anche l’azione durante la guerra in Corea.
Per mitigare il rinculo pesante, il fucile anticarro Tankov PTRS di Simonov è dotato di un enorme freno di bocca e di un calcio in gomma.
L’azione può essere svincolata dalla canne mediante un traversino.
La valvola del gas, che può essere rimossa, può essere regolata in 3 posizioni.

Gallery

Arma di una collezione privata. Si ringrazia l’amico H.S. per le foto.

© 2014 – 2018, Michele Schiavo. Tutti i diritti riservati.
Per pubblicare anche parzialmente questi contenuti è necessario fornire il link alla pagina originale.